DURATA

1/2 Giornata

LOCATION

Toscana, Massa-Carrara

ETÀ

0-99

PERIODO

Gen-Dic

Lunigiana: visita a Fosdinovo


Destinazioni

L’antico borgo di Fosdinovo, con il suo celeberrimo Castello Malaspina, è uno dei luoghi più fotografati della Lunigiana, territorio a cavallo tra le Alpi Apuane a nord della Toscana e la Liguria, rinomato per i tanti castelli, le antiche rocche, le chiese romaniche e i piccoli borghi che ospita.

L’antico borgo di Fosdinovo, con il suo celeberrimo Castello Malaspina, è uno dei luoghi più fotografati della Lunigiana, territorio a cavallo tra le Alpi Apuane a nord della Toscana e la Liguria, rinomato per i tanti castelli, le antiche rocche, le chiese romaniche e i piccoli borghi che ospita.
Il paese domina dall’alto la vallata del fiume Magra e lascia spaziare lo sguardo fino al blu del mare e alle luci della costa.
Di origine Medievale, deve tuttavia la sua fortuna al nuovo tracciato viario voluto dal vescovo di Luni intorno all’anno mille che univa la costa alle valli interno e che fece di questa piccola cittadina tappa obbligata per pellegrini e mercanti fino a tutto il diciassettesimo secolo. A testimonianza della sua importanza religiosa, sono arrivati pressoché intatti fino a noi due bellissimi oratori e la chiesa parrocchiale. Ma ciò che rende oggi Fosdinovo una tappa turistica è il suo Castello, ancora abitato dalla stessa famiglia che lo possiede da oltre 600 anni, da quando cioè nel 1340 Spinetta Malaspina “Il Grande”, prese possesso del paese e del suo territorio.
Nel corso dei secoli, l’imponente maniero fortificato è stato oggetto di importanti ampliamenti e ristrutturazioni che ne hanno fatto uno degli esempi meglio preservati dell’intera area: si presenta con una pianta quadrangolare, ai cui quattro angoli troviamo altrettante torri rotonde orientate. C’è poi un bastione semicircolare, due cortili interni (uno centrale), camminamenti di ronda sopra i tetti, giardini pensili, loggiati e terrazze. In antichità era protetto dal classico ponte levatoio.
Passando attraverso un elegante porticato rinascimentale punteggiata da colonne in pietra, si accede alle sale interne, tutte arredate ed affrescate alla fine del 1800. C’è la Sala d’ingresso, quella pranzo col grande camino settecentesco e le ceramiche del XVII secolo, la Sala del trono, il grande Salone con i vari salotti più piccoli e la camera del trabocchetto che nasconde una sottostante sala delle torture. C’è anche la stanza di Dante, perché si racconta che il Sommo Poeta era solito soggiornare qui per lunghi periodi

Accompagnati dalla guida, la visita al bellissimo borgo comincia dall’alto delle mura da cui è possibile godere di una vista mozzafiato sulla costa e sulla Val di Magra. Prima tappa presso l’Oratorio dei Bianchi del XVI secolo, quindi alla chiesa di S. Remigio e all’annesso Oratorio dei Rossi, entrambi risalente al 1300. L’ingresso al castello Malaspina è a pagamento ma ne vale veramente la pena: si tratta infatti di una delle più belle residenze fortificate del territorio. Previa prenotazione è possibile anche visitare il Museo audiovisivo della Resistenza che si trova poco lontano. La durata della visita è di mezza giornata.

Una leggenda popolare vuole che il Castello Malaspina di Fosdinovo sia infestato da un fantasma: si tratterebbe di Bianca Maria Aloisia Malaspina, la marchesina vissuta a metà del XIII secolo, la quale si sarebbe follemente innamorata di uno stalliere. Rifiutandosi di rinnegare questo amore impossibile e convolare a nozze con lo sposo impostole dalla famiglia, sarebbe dapprima stata torturate nelle segrete del castello e poi murata viva per volere del padre. Insieme a lei sarebbero stati murati anche il suo cagnolino, quale simbolo della sua fedeltà al giovane stalliere, ed un cinghiale quale monito al suo atto di ribellione giovanile ai voleri genitoriali.

Filtra per
  • È possibile disdire qualunque servizio senza penali, 21 giorni prima della data di prenotazione.
  • Per cancellazioni da 20 a 8 giorni prima della data di prenotazione, è previsto il pagamento di una penale pari al 30% dell’importo complessivo del servizio stesso.
  • Per annullamenti da 7 a 4 giorni prima della data del servizio prenotato, è prevista una penale del 60%.
  • Per annullamenti da 3 a 0 giorni prima della data, è previsto il pagamento per intero (100%) del servizio prenotato.